energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Un capolavoro del ‘600 restituito alla chiesa di Caprese Michelangelo Cronaca

Arezzo – I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Firenze hanno  rimpatriato dall’Austria e sequestrato una pala d’altare del pittore Tommaso Lancisi, copia dello Sposalizio della Vergine sottratta nel 1998 dalla Chiesa di San Paolo di Caprese Michelangelo (AR) dove era collocata in deposito esterno da parte delle Gallerie Fiorentine.

Ecco la ricostruzione del ritrovamento.  Nel mese d’aprile del 2015 un’importante casa d’aste austriaca ha proposto in vendita un dipinto olio su tela raffigurante Sposalizio di Maria Vergine, copia della famosa opera di Raffaello Sanzio collocata presso l’Accademia di Brera di Milano. Il quadro, delle dimensioni di cm. 170 x 115, attribuito a Tommaso Lancisi, pittore del 1600 di Borgo Sansepolcro, è stato in quegli stessi giorni  aggiudicato per quasi 40.000 euro ad un acquirente straniero.

Le indagini hanno avuto inizio a seguito di una segnalazione di un Carabiniere ausiliario in congedo, negli anni ‘90 in servizio nell’allora Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Artistico (oggi Tutela Patrimonio Culturale), il quale ha informato il Nucleo di Firenze sospettando una provenienza illecita dell’opera.

I militari del Reparto specializzato dell’Arma hanno avviato le necessarie verifiche sul dipinto ed hanno accertato che effettivamente si trattava del quadro rubato  a Caprese Michelangelo (AR) con a molte altre opere.

Gli accertamenti, eseguiti con la collaborazione dei Carabinieri della locale Stazione e del Polo Museale Regionale della Toscana –  Ufficio Ricerche e Catalogo, hanno consentito di appurare che nel 1926 la pala d’altare era stata data in deposito esterno dalle Gallerie Fiorentine alla predetta Chiesa e che la stessa presentava un particolare interesse storico, trattandosi dell’unica opera nota  firmata dall’autore: “Thomas Lancisius Burcensis fa”.

Quanto verificato ha permesso ai Carabinieri del TPC di attivare la Polizia austriaca e di bloccare la vendita del dipinto. Nel giugno 2015 la Casa d’Aste restituiva l’opera su indicazione del proprietario del bene, un imprenditore emiliano che venuto a conoscenza della provenienza furtiva accettava di restituirlo trovandosi nella totale buona fede, avendo ottenuto anche il permesso di esportare l’opera da parte degli uffici competenti.

Rientrata in Italia la pala d’altare è stata sequestrata su disposizione della Procura della Repubblica di Arezzo che, a conclusione degli accertamenti e dopo aver raccolto il parere favorevole dell’Ufficio Competente del Polo Museale Regionale della Toscana, ne ha disposto la restituzione alla Chiesa di San Paolo. Oggi la cerimonia di restituzione presso la Chiesa di San Paolo,  alla presenza delle autorità civili e religiose.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »