energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Un corso per diventare manager per l’edilizia in legno Breaking news, Cronaca, STAMP - Università

Firenze- Sono aperte le iscrizioni all’Università di Firenze per diventare un manager per l’edilizia in legno o per l’arredamento.

Il corso di laurea “Tecnologie e trasformazioni avanzate per il settore legno, arredo, edilizia” fa riferimento ad un sistema industriale che vede l’Italia come il primo Paese in Europa per numero d’imprese nel comparto legno-arredo.

Il percorso è una laurea professionalizzante: ha la caratteristica di permettere un veloce inserimento nel mondo del lavoro, anche grazie ad una importante attività di tirocinio pratico applicativo presso le aziende, a cui è dedicato tutto il terzo anno, dopo i primi due anni di formazione frontale.

Per fare domanda c’è fino al 9 agosto. Bisognerà fare un test di ingresso che si svolgerà il 9 settembre. Cinquanta i posti disponibili.

Per le domande, da presentarsi online, consultare il sito www.temalegno.unifi.it

“Il corso, al secondo anno di attivazione – spiega il coordinatore Marco Fioravanti -, oltre a fornire un inquadramento mirato nelle discipline di base come chimica, matematica e informatica, impartisce agli studenti insegnamenti caratterizzanti. Si spazia, così, dallo studio della struttura e della proprietà del legno e dei prodotti derivati al disegno industriale, dalla gestione d’impresa alle macchine e tecnologie per la lavorazione fino alla modellazione 3D e alla normativa tecnica del settore.

Nel comitato di indirizzo del corso sono presenti Federlegno Arredo, Acimali, Distretto Toscano degli interni e del Design, Consorzio LEGNO LEGNO che rappresentano le aziende del sistema di riferimento.

“Sono vari – conclude Fioravanti – i profili professionali a cui il corso prepara: il capo produzione, il responsabile acquisti, il responsabile marketing, l’addetto alla ricerca e sviluppo, il consulente aziendale. Molte delle aziende con cui siamo entrati in contatto ci hanno manifestato la necessità di personale qualificato e la disponibilità ad accogliere tirocinanti”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »