energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Un esperto americano: la Pietà di Marcialla è di Michelangelo Cultura

Barberino – Un Michelangelo nel cuore di Marcialla. Ne è convinto Robert Schoen, esperto che da trent’anni si dedica allo studio di Michelangelo che ha accolto l’appello del sindaco di Barberino di confermare un’attribuzione solo ipotetica. Un vero e proprio tesoro dell’arte italiana sarebbe dunque  custodito in piazza Brandi, nella chiesa principale dell’antico borgo valdelsano. Secondo l’esperto l’affresco monumentale che raffigura la Pietà nasce da un disegno di Michelangelo Buonarroti (1475-1565).

Ci sono voluti decenni, ricerche, studi ma alla fine il percorso della storia sembra dare ragione alla saggezza e alla tradizione popolare e ricompone i tasselli di un mosaico aperto da decenni facendoli tornare tutti al loro posto. Dalle fonti documentaristiche, dagli studi di memoria e storia locale, come quello dell’ex farmacista Elsa Masi, alle ipotesi dei grandi critici e scrittori italiani e stranieri che dalla metà del ventesimo secolo diffondono le proprie teorie sulla paternità michelangiolesca: Giovanni Papini, Robert Weiss e più recentemente James Beck, William Wallace. Michelangelo ha progettato, disegnato e probabilmente in parte realizzato una Pietà per il convento di Marcialla all’età di quindici anni.

Il dato da cui prende le mosse la ricostruzione storico-artistica è la presenza documentata di Michelangelo nel territorio valdelsano, area di confine tra Barberino Val d’Elsa e Certaldo. L’artista, adolescente, fu ospite dei frati agostiniani a Marcialla alla fine del quindicesimo secolo. E’ proprio in quegli anni, tra il 1490 e il 1495, che il giovane decise di ricambiare l’accoglienza dell’ordine religioso, che risiedeva nel luogo dove oggi è situata la chiesa di Santa Maria a Marcialla, offrendo in segno di riconoscenza il disegno e il progetto di una Pietà.

Il “cartoon” di mano michelangiolesca, che si distingue per semplicità, limpidezza della composizione, armonia nelle forme, impianto piramidale, tonalità acquerellate, è la certezza sulla quale si costruisce l’attribuzione elaborata dallo studioso di New Orleans Robert Schoen, uno dei massimi esperti di Michelangelo di fama internazionale. E’ stato lo studioso americano a definire e confermare la paternità michelangiolesca dell’affresco che adorna il braccio destro dell’ex convento questa mattina nella chiesa di Santa Maria a Marcialla dove, accompagnato dalle giornaliste Nadia Fondelli, caporedattore di Chianti & Toscana News e la corrispondente Donella Zanoboni, si era recato per accogliere l’invito del sindaco Giacomo Trentanovi. L’appello era stato rivolto agli specialisti dell’arte dal primo cittadino di Barberino Val d’Elsa in occasione del G7 della Cultura.

 La Pietà conservata nella chiesa di Marcialla secondo Schoen scaturisce da un elaborato del giovane Michelangelo che a Marcialla si era fermato e aveva vissuto per un periodo, di ritorno da Bologna e Venezia, dopo aver accettato la protezione dell’ordine religioso degli Agostiniani. E’ la linea indicata dagli studiosi che negli anni si sono interessati alla paternità della Pietà, custodita nella Chiesa marciallina, e adesso approfondita e sostenuta con ricerche inedite da Robert Schoen, esperto che da trent’anni si dedica allo studio di Michelangelo. nel 1984 divenne celebre per aver identificato e localizzato a New York il “Cupido” realizzato da Michelangelo nel 1497 e di cui era andata perduta la memoria per cinque secoli. “La tradizione popolare legata alla convinzione della comunità di Marcialla di ospitare in casa propria un Michelangelo è assoluta corretta – dichiara Schoen – in questo affresco c’è l’anima di Michelangelo, la purezza di un giovane e talentuoso artista che stava affiorando nel quindicesimo secolo, la cui presenza è leggibile in tanti elementi compositivi del dipinto, soprattutto nella ricerca e nell’attenzione alla realizzazione delle parti anatomiche delle figure che costituiscono l’opera. In particolare nella sezione di destra dove è presente uno dei due ladroni che si distingue dal resto della composizione proprio per la resa anatomica”.

Ci si domanda ancora per quale ragione Michelangelo fosse a Marcialla, area decentrata del contado fiorentino, in quegli anni. Benchè non ci siano elementi certi che lo testimoniano, si suppone che la permanenza in campagna di Michelangelo sia legata alla cacciata da Firenze del suo mecenate, Lorenzo il Magnifico. E’ probabile che l’artista sia stato invitato ad allontanarsi dalla città per evitare di essere coinvolto nei dissidi politici che si stavano verificando in quel periodo.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »