energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Un filo dolce: raccolti 3.500 grazie ai biscotti di Papa Francesco Notizie dalla toscana

Prato – In vetrina c’era naturalmente il biscotto per Papa Francesco, in assaggio per gli oltre duemila visitatori della due giorni di palazzo Buonamici, ma Un filo dolce fra sabato 14 e domenica 15 novembre ha offerto a pratesi e turisti un goloso panorama sulla produzione dolciaria delle pasticcerie e dei forni che ogni giorno coniugano con creatività e grande maestria tradizione secolare e innovazione. La Caritas ringrazia i produttori di biscotti che, ancora una volta con grande generosità, hanno messo a disposizione delle famiglie in difficoltàche si rivolgono all’Emporio tutto il ricavato della due giorni, complessivamente 3.500 euro.

Il presidente della Provincia Matteo Biffoni, l’assessore alle Politiche economiche del Comune di Prato Daniela Toccafondi e il presidente di Confartigianato Imprese Andrea Belli parlano di pasticceria e biscotteria come di “una delle carte vincenti del saper fare di Prato”. Indubbiamente la filiera dolce del territorio rappresenta un vanto indiscusso e il nutrito gruppo che fa capo al Consorzio di valorizzazione e tutela del biscotto di Prato, guidato daFrancesco Pandolfini, e al Consorzio pasticceri con a capo Massimo Peruzzi, “lavora con grandissima professionalità e uno spirito di collaborazione che fa la differenza e permette di organizzare eventi di richiamo come Un filo dolce”, concludono insieme.

Lasciare i nostri laboratori per dare vita alla manifestazione è un grosso impegno – dice in proposito Massimo Peruzzi – Ma la voglia di fare di questo stupendo gruppo di pasticceri non ha limiti, anche perché ognuno sa mettere da parte la propria individualità per fare qualcosa di importante per la città alla quale siamo strettamente legati”. Questa edizione di Un filo dolce infatti sarà ricordata per il grande successo del biscotto per Papa Francesco, nato per celebrare la visita a Prato del 10 novembre di Papa Francesco. “Ne siamo orgogliosi – commenta Francesco Pandolfini – Siamo riusciti a fare qualcosa di nuovo con il prodotto che rappresenta l’identità e la tradizione di Prato, unendolo per l’occasione alla glassa al Vin Santo di Carmignano, in modo da creare un legame anche con la Val di Bisenzio (che vanta gli Zuccherini glassati di un velo bianco fra le sue specialità) e il Montalbano”.

Gran folla quindi, in particolare nel pomeriggio di domenica, nelle sale di palazzo Buonamici allestite a festa con i dieci banchi di assaggio di Forno di Migliana, Antonio Mattei Biscottificio, Branchetti Biscotti, Pasticceria Ciolini, Forno Steno, Forno Vettori, Pasticceria Filippo & Giancarlo, Pasticceria Peruzzi, Pasticceria Caffè Nuovo Mondo, Cafè pasticceria Victory.

E grande successo per gli show cooking, quelli dedicati al biscotto per Papa Francesco e condotti sabato da Francesco Pandolfini e domenica da Simone Vettori, e quelli che avevano come protagonista il biscotto vegano della pasticceria Victory e la Mantovana alla bavarese di Vin Santo di Massimo Peruzzi.

Fra i banchi di assaggio anche qualche novità creata per l’occasione. Il biscotto bianco al cocco del Forno Steno, ancora un ideale omaggio alla visita di Francesco che anche nella forma si ispira allo zucchetto bianco indossato dal Papa, il Bardinsecco, per il quale Paolo Sacchetti della Pasticceria Nuovo Mondo si è fatto ispirare dal castagnaccio, Brutti bonicomedeanoessere del Forno Vettori e i biscotti alla mela e cannella della Pasticceria Ciolini.

Un filo dolce è promosso da Confartigianato Imprese, assessorato alle Politiche economiche del Comune di Prato e Provincia e organizzato da Consorzio di valorizzazione e tutela del biscotto di Prato. Preziosa la collaborazione di CasottoAtipico e della blogger Stefania Storai. Media partner la web radio Canale 7.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »