energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Un fine settimana tutto d’oro per la Canottieri Firenze Sport

Soci, parenti, amici, appassionati, e poi loro: i protagonisti del 2012 biancorosso. E’ stata una grande festa quelle per le premiazioni relative alla stagione agonistica conclusasi un mese e mezzo fa per la Società Canottieri “Firenze”, che domenica mattina in Palagio di Parte Guelfa a Firenze ha fatto sfilare tutti i suoi campioni.
Assente giustificato il febbricitante Luigi De Lucia, direttore tecnico di quello squadrone che nel 2012 ha portato a casa quindici titoli italiani (diciotto considerando l’attività Master), tre titoli mondiali, cinque europei e tanti altri successi di prestigio, e con lui Francesco Fossi, oggi in Fiamme Gialle ma mai dimenticato dal club che lo ha lanciato e che più volte nel corso della stagione, con varie manifestazioni, ha celebrato la sua partecipazione ai Giochi Olimpici di Londra sul quattro di coppia.
C’erano però tutti gli altri, dal dragon boat quinto alla durissima Armada Cup, gara di fondo che si disputa ogni ultimo weekend di ottobre in Svizzera, ai campioncini in erba del Centro d’Avviamento allo Sport, passando naturalmente per lo staff tecnico, gli Adaptive e gli Special Olympics, i Master e dulcis in fundo gli atleti campioni d’Italia, d’Europa, del Mondo. Tutti premiati alla presenza del presidente del sodalizio Cristiano Calussi, del vicesindaco e assessore comunale allo sport Dario Nardella, del presidente del CONI Toscana Paolo Ignesti e di quello del CONI Provinciale fiorentino Eugenio Giani.
Chiusura dedicata ad Andrea Marcaccini, atleta della “Firenze” giunto quinto ai Giochi Paralimpici di Londra sul quattro con, ed alla sua particolarissima storia, partita sette anni fa come atleta del CAS e poi evolutasi fino a diventare timoniere campione d’Italia e del Mondo, vogatore campione d’Italia e azzurro e infine Adaptive degno e meritevole della maglia azzurra a Londra.
Alla fine di tutto, simpatico siparietto del capitano della squadra agonistica della Canottieri, Bernardo Nannini, che ha omaggiato De Lucia, il direttore sportivo Tommaso Muccini e tutto lo staff tecnico di un piccolo presente da parte di ragazzi e genitori per quanto fatto nel corso della stagione.
Celebrata, durante la premiazione relativa al gruppo Master, anche la performance di Leonardo Magnatta, riuscito sabato scorso a Livorno nell’impresa, assieme ad altri nove coetanei, di abbattere il primato mondiale dei 100 km. al remoergometro a staffetta per la categoria 50/59 anni.
Va in frantumi il primato mondiale della Finlandia: il record va giù di quasi un’ora, da 6h 4’ 12” a 5h 6’ 12”, per una media sui 500 metri di 1.31.8, mantenuta grazie a cambi rapidissimi, uno ogni undici colpi a testa.
Un weekend ricco di emozioni dunque quello appena trascorso per il circolo del Ponte Vecchio, che ora scalda i motori per il via della stagione di fondo: lo start verrà dato domenica prossima a Sabaudia per la prova di Coppa Italia sui 6 chilometri, la prima alla quale parteciperà la Canottieri “Firenze”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »