energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Un libro per affrontare insieme i problemi dell’autismo Cronaca

Prato – Un’altra importante iniziativa in città organizzata dal Kiwanis club di Prato in collaborazione con Autism Europe e patrocinata dal Comune di Prato dalla Regione Toscana e dalla Usl Toscana Centro,per approfondire la sindrome autistica, martedi 18 aprile presso il Salone Consiliare del Comune di Prato alle ore 16.

Alla presenza del Governatore del Kiwanis distretto Italia San Marino,Valchiria Bo, verrà presentato il libro Martino Piccolo Lupo, dello scrittore ticinese Gionata Bernasconi, ( qui in veste di educatore  specializzato in “autismo”) e della illustratrice Simona Mazzulani,che hanno lavorato in équipe con lo staff di Carthusia, agli educatori e pedagogisti di Fondazione Ares e dei genitori di Michele, un bambino speciale.
“E’ la prima volta che come Kiwanis – spiega il presidente di Prato, Stefano Bonfanti – spiegheremo alla collettività qual è il progetto sull’autismo voluto a livello nazionale e che avrà durata triennale. Il libro è una storia semplice per grandi e piccoli che deve far capire che bisogna andare oltre le diversità: Martino è un cucciolo di lupo che non  ulula alla luna,che adora le ciliegie e per questo allontanato dal branco.Quando un giorno Martino incontrerà un’oca spaventata e una volpe affamata allora tutti capiranno chi è Martino veramente,dunque bisogna allontanare la nebbia che nella storia significa la “non conoscenza”.

 bernasconi
“Un importante progetto – così Anna Fazio responsabile Kiwanis Regione Toscana Progetto Autismo- che ha visto coinvolti 19 Istituti del territorio pratese che riceveranno tre copie del libro per un totale di 54 testi,perchè il libro è un’occasione per poter parlare in modo semplice e chiaro di un tema delicato come l’autismo,attraverso il linguaggio dei bambini.”

“La scuola – dice la dottoressa Maria De Simone, dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Prato -si adopera per professionalizzare gli insegnanti attraverso corsi di aggiornamento e sulle metodologie di approccio che dati alla mano hanno dato dei risultati soddisfacenti,perchè compito della scuola è anche quello di creare una forte sinergia  tra il territorio e le famiglie che vivono l’esperienza di un familiare autistico.A Prato c’è lo Sportello referente regionale SOS AUTISMO E DINTORNI,con sede presso l’istituto Gandhi che offre consulenza e primo aiuto alle persone che chiedono informazione.”

“Sono contenta di questo progetto del libro nelle scuole-dice l’assessore all’Istruzione e Pari Opportunità, Mariagrazia Ciambellotti -perchè si svolge ad aprile il mese dedicato all’autismo e si inserisce in tutta una serie iniziative volute  dal Comune di Prato,dal “Sentiero in blu,all’illuminazione del Castello,alla programmazione di film, che intendono sensibilizzare e coinvolgere quanto più è possibile la città su questo tema,perchè parlarne non è mai abbastanza.”

In città negli ultimi due anni sono state circa 40 le diagnosi di autismo messe a punto dalla Asl locale su bambini di età inferiore ai 4 anni, con livelli diversi del disturbo, un numero comunque in aumento rispetto al passato e attualmente in cura a Prato sono 180 i minori e 90 gli adulti,secondo gli ultimi dati diffusi dal  direttore dell’Unità Neuropsichiatria infantile della Asl 4 di Prato Marco Armellini,in un recente convegno
Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »