energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Una mini-città ideale nell’ex caserma Gonzaga Cronaca

Firenze – Uno spazio urbano contemporaneo caratterizzato dalla centralità di aree pubbliche, verde e percorsi ciclo-pedonali, con gli edifici che si affacciano sull’asse centrale in un mix di funzioni residenziali, commerciali, sociali e di servizi.

È quanto prevede il progetto vincitore del concorso di idee per la riqualificazione e valorizzazione dell’ex caserma Gonzaga Lupi di Toscana.

Nel dettaglio, il progetto prevede un lungo percorso nel quale si alternano una serie di spazi pubblici  (‘stanze civiche’), che si conclude con la piazza principale Lupi di Toscana e l’edificio speciale dell’ex palazzina di comando. Il program­ma complessivo comprende 33.500 mq di superficie utile lorda destinato a residenziale (di cui 22mila di Social Housing), 7.500 mq di Sul commerciale, 12mila mq di uffici/terziario/sanitario, 6.500 mq sociale/istruzione/culturale.

Il masterplan, elaborato da Paolo Luigi Poloni di Luino (Varese), è stato presentato in Santa Maria Novella dal sindaco Dario Nardella, dall’assessore all’Urbanistica Giovanni Bettarini e dal direttore dell’Agenzia del Demanio Roberto Reggi. Presenti l’assessore all’Urbanistica del Comune di Scandicci Andrea Giorgi e il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni.

“Firenze in questi anni ha recuperato e restituito ai cittadini molti contenitori abbandonati senza consumare nuovo suolo – ha detto il sindaco Nardella –  Su questa caserma abbiamo portato avanti un importante lavoro di coinvolgimento dei cittadini e del Quartiere, arrivando a individuare le funzioni più adatte alla trasformazione. Sono stati poi architetti e creativi, attraverso il concorso di idee, a interpretare al meglio questa visione dandoci la possibilità di partire in seguito con il bando vero e proprio. Obiettivo – ha proseguito il sindaco – è quello di fare dei Lupi di Toscana un nuovo motore culturale, civico, economico e di social housing di tutto il quadrante sud-ovest della nostra città metropolitana”.

Al vincitore andrà un premio di 50mila euro, mentre agli altri sette sarà assegnato un premio di 20mila euro ciascuno per un totale di 190mila euro. Gli altri progetti finalisti sono stati presentati da Fabrizio Rossi Prodi, Pietro Basilio Giorgeri, Romolo Roberto Calabrese, Adolfo Natalini, Emiliano Auriemma, Emanuele Mantrici-Studio Kami e Carlo Terzoli.

Al concorso, finanziato con un contributo di 260mila euro dall’Agenzia del Demanio, l’Amministrazione comunale è arrivata a seguito di un percorso di partecipazione ‘Non case ma città 2.0’, che ha visto il coinvolgimento di oltre mille cittadini nella pianificazione dell’area dell’ex caserma e nell’individuazione degli elementi dei quali tener conto nella trasformazione.

Sulla base di quanto contenuto nel regolamento urbanistico, i progetti prevedono una percentuale di superficie a destinazione residenziale pari almeno al 60% (con una quota prevalente di housing sociale), mentre il restante 40% riguarda altre destinazioni d’uso, garantendo un adeguato mix funzionale. Come indicato, l’intervento si realizza con la demolizione e ricostruzione dei manufatti esistenti ad eccezione della palazzina Comando notificata come bene culturale e quindi soggetta a restauro.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »