energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Una scolaresca e un libro per Alfredo Martini Sport

Per il ciclismo questo pomeriggio a Ponsacco si è chiusa la stagione agonistica con la disputa della 61° Coppa del Mobilio, gara nazionale per dilettanti. La corsa, come sempre, era articolata in due frazioni: al mattino in linea; al pomeriggio a cronometro per i primi 15 classificati nella gara del mattino. Stamani nella prova in linea volatone e successo del bresciano Nicola Toffali (km. 120, media 45,570) davanti a Davide Martinelli (Food Italia Massa); al friulano Stefano Debellis; a Stefano Verona (Mastromarco) e Lorenzo Friscia (Maltinti Empoli).
   Nel pomeriggio vittoria dell’ucraino Marien Zmorka (km. 33, media 49,539); secondo Davide Martinelli a 37” terzo Stefano Verona a 57”.
    Intanto ieri nella sua casa di Sesto Fiorentino Alfredo Martini, ancora convalescente, ma in netta ripresa, ha ricevuto due simpatiche visite. Al mattino Franco Quercioli, della Biblioteca di San Bartolo a Cintoia, studioso e scrittore di ciclismo che ha offerto a Martini, fresco di stampa, il libro “Gli azzurri di Alfredo” (ha vinto 6 titoli mondiali; 7 medaglie d’argento ed altrettante di bronzo). Una pubblicazione ricca di foto, di colori, di racconti, di eventi davvero interessanti.
   Nel pomeriggio un “quadretto” da libro Cuore. Sono stati ospiti dell’ex citì azzurro, ed ora presidente onorario della Federciclismo, alcuni alunni della scuola elementare, classe 4°A, dell’Istituto Guido Alfani di Sesto Fiorentino accompagnati dall’insegnante Sandra Settesoldi.
   A nome di tutta la classe Francesco Baldanzi, Tommaso Vittori e Matteo Fanfarillo (quest’ultimo figlio di un dirigente della Ciclistica Sestese) hanno consegnato a Martini un grande disegno a colori da loro realizzato.
   In quel disegno i ragazzi hanno rappresentato in un riuscito collage “momenti” dei recenti campionati del mondo di ciclismo disputati a Firenze. Poi i ragazzi hanno rivolto a Martini tante simpatiche, coinvolgenti, spontanee domande di ciclismo alle quali il mitico personaggio del ciclismo ha dato chiare e soddisfacenti risposte.
Franco Calamai

Print Friendly, PDF & Email

Translate »