energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Una settantottenne perde la vita dopo una lite per la presenza del suo cane in un negozio Cronaca

È analizzando i filmati delle telecamere di sorveglianza della zona, il centro di Livorno, che la polizia è riuscita ad identificare e rintracciare una quarantatreenne ungherese ritenuta corresponsabile del decesso di una settantottenne livornese. Questa mattina, come spesso faceva, l’anziana si era recata in un negozio di generi alimentari, frutta e verdura portando con sé il suo cagnolino, ovviamente al guinzaglio. Ad un certo punto, però, la quarantatreenne l’ha rimproverata e ne è nata una lite che dapprima si è svolta nel negozio, quindi si è spostata all’esterno dell’esercizio commerciale. Dopo aver litigato in strada, la settantottenne è tornata all’interno dell’alimentari. A questo punto, però, la quarantatreenne l’avrebbe seguita e spintonata, facendola cadere, priva di sensi, davanti al balcone. La proprietaria del negozio ha contattato i soccorsi medici, che sono giunti poco dopo sul posto, ma la situazione dell’anziana è sembrata da subito compromessa. La donna, Luana Casella, ha accusato un malore ed è morta poco dopo il trasferimento, in ambulanza, al Pronto Soccorso della città labronica. L’accesa lite con la quarantatreenne, nata da una discussione sulla presenza del cane nell’alimentari, le è stata fatale. La polizia, raccolte le testimonianze dei presenti ed analizzati i video, ha scoperto che la quarantatreenne ungherese era da poco in città ed ha la residenza a Milano. Quindi, messisi in cerca della donna, gli agenti l’hanno fermata intorno alle 12.00 mentre leggeva su di una panchina. L’autrice dell’aggressione adesso rischia di essere accusata di omicidio colposo, dato che la settantottenne sarebbe deceduta a causa di un arresto cardiocircolatori causato dalla lite.

Foto: http://www.donnolatizia.myblog.it
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »