energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ungulati, Remaschi: “Proposta di legge nelle prossime settimane” Ambiente

Firenze  – E’ l’argomento che fa da sfondo a ogni intervento o evento che riguarda i temi agricoli. Si tratta dell’impatto devastante che la crescita fuori controllo degli ungulati nel nostro territorio provoca sulle coltivazioni ma non solo. Come dice Paolo Sottani, sindaco di Greve, a margine della presentazione della 45esima Expo del Chianti Classico, la situazione è gravissima, e riguarda anche la sicurezza. Tant’è vero, informa il sindaco, “che sul nostro territorio si conta almeno un incidente al giorno”  e spesso sempre negli stessi luoghi, dove esiste il “passaggio” degli animali. E lettere e incontri con l’Ispra, acronimo di Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, finora, non hanno dato alcun risultato.

Un tema, questo degli ungulati fuori controllo, che sta particolarmente a cuore all’assessore all’agricoltura Marco Remaschi, il quale spiega che, “così com’è oggi” la situazione “è del tutto ingestibile”. Allo studio una legge obiettivo che in tre-quattro anni riporti il fenomeno sotto controllo. Inoltre, continua l’assessore, non c’è da pensare che i danni vengano ingigantiti dai coltivatori, in quanto “il ristoro non copre il danno”. Un guasto in una vigna, ad esempio, non compromette solo la produzione dell’anno, ma anche, con la necessità spesso di cambiare piante, quella di anni a venire. “Si possono perdere quote di mercato”, dice Remaschi.

E dunque? Dunque, dice l’assessore, “avremo una proposta di legge nelle prossime settimane”, proposta cui hanno partecipato varie associazioni, fra cui quelle venatorie. “E’ necessario trovare un equilibrio – conclude Remaschi – finito il tempo delle parole, comincia quello dei fatti”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »