energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Unicoop Tirreno, raggiunta intesa di massima Breaking news, Cronaca

Firenze – La trattativa, dura e serrata e lunga due giorni, si è conclusa ieri a Firenze con una sorta di “tregua armata”. Unicoop Tirreno e Usb hanno raggiunto un’intesa di massima, con un verbale di riunione che consente di scongiurare l’approdo della vertenza al Ministero e l’adozione da parte aziendale di iniziative unilaterali, come, per esempio, la disdetta totale del contratto integrativo aziendale. Fra i punti principali previsti dall’intesa, il riconoscimento da parte dell’azienda (e ovviamente dei sindacati) dell’obiettivo di salvare tutti i posti di lavoro attraverso “strumenti conservativi”, l’utilizzo di ammortizzatori sociali fino alla durata massima prevista dalla legge, quali i Contratti di Solidarietà e la Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria per crisi, l’apertura della mobilità avente come unico criterio per l’uscita del lavoratore la “non opposizione al licenziamento”, costante verifica e monitoraggio della gestione degli esuberi, il riconoscimento di un sistema di relazioni sindacali per l’Usb.

 “Questa intesa dovrà essere tramutata in un accordo vero e proprio nei prossimi incontri – si legge nella nota diffusa dal sindacato di base – accordo che, una volta definito, verrà portato davanti ai lavoratori che dovranno esprimersi sulla sua approvazione o respingimento. Ovviamente ci aspettiamo che l’accordo rispetti i punti di questa preintesa espressi per ora in capitoli generali, e di conseguenza gli obiettivi che Usb aveva prefissato insieme ai lavoratori ad inizio trattativa”.

 Conclude la nota: Vogliamo però anche esprimere il nostro forte timore che alla fine la gestione di questa crisi verrà fatta cadere solo sui più deboli, eventualità che non potremmo assolutamente tollerare. Il prossimo incontro si terrà il giorno 12 aprile”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »