energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Valdichiana: i Popolari aretini chiedono maggiore attenzione ai cittadini Dibattito politico

Arezzo – Un impegno della politica per superare le barriere tra i Comuni della Valdichiana: a richiederlo sono i Popolari per Arezzo che, alla luce delle difficoltà economiche e organizzative vissute da molte amministrazioni, rivolgono ai vari sindaci l’invito a superare l’immobilismo e i campanilismi tra i loro paesi per cercare comuni strategie di collaborazione.

L’assenza di sinergie ha spesso portato a sprechi e non ha garantito ai cittadini servizi di qualità, dunque si rende necessario l’avvio di una nuova fase che, in linea con le attuali normative nazionali, veda i Comuni dello stesso ambito territoriale unire risorse umane, economiche e logistiche per sviluppare una serie di interventi coordinati e mirati su tematiche specifiche. «Non è più pensabile – spiega Andrea Gallorini, presidente dei Popolari per Arezzo – che Comuni limitrofi continuino a gestire autonomamente tutti i servizi al cittadino, mantenendo attivi costi ormai insostenibili: la politica deve andare oltre ai campanilismi dimostrando lungimiranza e intenzione di studiare nuove strategie per superare l’attuale immobilismo».

Un primo punto d’incontro, ad esempio, potrebbe crearsi nella gestione dei servizi legati alla sicurezza. Come è già successo in Casentino, anche in Valdichiana è possibile progettare la creazione di un corpo unico di Polizia Municipale attivando un coordinamento fra i diversi Comuni e una razionalizzazione della copertura da parte delle pattuglie sull’intero territorio e nell’intero arco della giornata. Questa soluzione risolverebbe un problema evidenziato da alcuni cittadini dei Comuni di Monte San Savino e Civitella come la mancanza in alcune fasce orarie, soprattutto notturne, del corpo di polizia pronto ad intervenire in banali incidenti stradali o per presidiare manifestazioni e feste paesane. «La politica – aggiunge Gallorini, – deve tornare ad essere protagonista di una programmazione che consenta da un lato l’urgenza ai bisogni di imprese, lavoratori e famiglie».

Print Friendly, PDF & Email

Translate »