energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Variante di valico, ora c’è. Renzi: “Grande emozione” Cronaca

Firenze – Grande emozione: finalmente si inaugura la variante di valico. Non ci credeva più nessuno, ma #italiariparte”. Il presidente del consiglio Matteo Renzi non tiene per se’ o per le dichiarazioni istituzionali la sua soddisfazione, ma la lancia su Twitter. Perché ciò che avviene oggi, sstamattina, sull’Appennino e sulla A1 è qualcosa a cui “nessuno credeva più”. 

Apre la variante di valico, un primato tecnologico italiano:  una delle più importanti infrastrutture realizzate in Europa negli ultimi 20 anni , 59 km di rete potenziati, di cui 32 in variante, con 41 viadotti e 41 gallerie, 4,1 miliardi di investimenti, interamente a carico di Autostrade per l’Italia. 

A dare il “semaforo verde” all’apertura della Variante di Valico è stato Matteo Renzi nel corso della cerimonia di inaugurazione, alla presenza dell’amministratore delegato di Atlantia e Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, del presidente Fabio Cerchiai, del Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Graziano Delrio e dei rappresentanti degli Enti locali e delle imprese che hanno preso parte alla realizzazione dell’opera. 

La storia della Variante di Valico attraversa e racconta la storia dell’Italia. I lavori di questa imponente infrastruttura sono stati completati in 9 anni, ma ne sono stati necessari 24 per passare dalla prima idea progettuale all’ultima autorizzazione del 2006. Il costo dell’opera è passato dai 2,5 miliardi di euro previsti nel 1997 ai 4,1 miliardi di euro a consuntivo per effetto di aumento dei costi delle materie prime, modifiche normative, iter e prescrizioni autorizzative, affinamenti progettuali. Un costo interamente a carico di Autostrade per l’Italia: nel 1997, a fronte della rideterminazione del termine della concessione al 2038, Autostrade per l’Italia si era assunta integralmente tutti i rischi di esecuzione della Variante di Valico, senza alcun trasferimento in tariffa dei costi o maggiori oneri. 

Da oggi gli automobilisti potranno viaggiare su 59 km di rete potenziati, scegliendo se utilizzare il tracciato già esistente o attraversare l’Appennino percorrendo i 32 nuovi km realizzati in variante. Un percorso, quest’ultimo, diretto con una quota di Valico più bassa di 226 metri che, si calcola, consentirà di risparmiare almeno 15 minuti di tempo e ogni anno complessivamente 100 milioni di litri di carburante.

Renzi e Castellucci si erano impegnati con gli automobilisti un anno fa, in occasione dell’abbattimento dell’ultimo diaframma della galleria Val di Sambro: “Ci rivediamo qui tra un anno, prima di Natale del 2015”.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »