energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Ventesima edizione del Trofeo Aurora International a Prato Notizie dalla toscana

Prato – Un flash-mob sul tema della salute mentale dà il via alla ventesima edizione del Trofeo Aurora International, la kermesse che promuove l’inclusione sociale della disabilità attraverso lo sport. Il cartellone 2014 è stato presentato nella mattina di oggi, martedì 9 settembre, a palazzo Buonamici da Claudio Martini e Luciano Giusti della polisportiva Aurora, insieme a Manuele Matteucci dell’associazione Pangea e il consigliere delegato allo sport del Comune di Prato Luca Vannucci. L’iniziativa rientra nel cartellone “0574temPOdiSPORT” promosso dalla Provincia di Prato.

L’avvio ufficiale è in programma per oggi, con l’arrivo delle delegazioni sportive, ma il primo evento del corposo programma del Trofeo Aurora si terrà domani, mercoledì 10 settembre (ore 17,30) in piazza del Comune. Ci tengono gli organizzatori della manifestazione, Claudio Martini e Luciano Giusti della polisportiva Aurora, che a più riprese sottolineano l’importanza di questo ritrovo al quale invitano tutti i cittadini a partecipare. “Vogliamo coinvolgere l’intera città sul tema della salute mentale – ricorda Giusti – La performance sollecita una riflessione sul tema della follia che sa esprimere genialità.” E se il flash-mob è il momento clou della manifestazione, l’intero trofeo – nella quattro giorni di iniziative che si concludono sabato 13 settembre con la partenza delle delegazioni – si snoda fra attività sportive, ricreative e culturali. “Lo sport è un mezzo trasversale per comunicare e uno strumento di aggregazione che chiunque può praticare – aggiunge Martini – Il Trofeo oltre ai tornei di calcio, volley e rugby è ricco anche di iniziative musicali con concerti e spettacoli di ballo che danno continuità al percorso di inclusione sociale della malattia mentale.” “Sul fronte dell’inclusione Prato è una realtà avanzata anche grazie al grande lavoro portato avanti dall’associazione Aurora – ha detto Vannucci – Nonostante le difficoltà che attraversano gli enti, noi come Comune vogliamo continuare a essere presenti e ad andare avanti insieme”.

Il trofeo continua di anno in anno a confermarsi una kermesse di tutto rispetto nel panorama europeo. E’ previsto per questo pomeriggio l’arrivo delle squadre partecipanti che saranno ospiti alla Villa del Palco. Le delegazioni provengono da Inghilterra (Oxford), Germania (Brema) e Andalusia; numerose anche le delegazioni italiane in arrivo da Parma, Firenze, Pontedera e Pisa. Da domani, mercoledì 10 settembre, iniziano le attività con la parte sportiva e quella ludica culturale. Si disputeranno i tornei di calcio, pallavolo, al quale dovrebbe partecipare anche una squadra dell’ospedale psichiatrico di Montelupo, ma la conferma arriverà domani mattina, e rugby. Per lo spettacolo sono in programma musiche e danze per ognuna delle tre serate per abbattere le barriere dell’ignoranza e dell’emarginazione. Anche l’edizione 2014 vede la collaborazione dell’associazione degli utenti Pangea, quella delle famiglie Diapsigra e quella sociale Nuove idee, oltre alla pizzeria “Fuori di pizza”.

POLISPORTIVA AURORA – La polisportiva Aurora, insieme all’omonimo Trofeo, nasce nel 1994 da un’idea di alcuni operatori e utenti del Dipartimento di salute mentale della ASL 4 di Prato, si può sintetizzare come un’azione di salute mentale comunitaria svolta sul territorio per attivarne e valorizzarne le risorse personali, professionali, associative e istituzionali al fine di migliorare la qualità di vita dei suoi abitanti. Nel 2006 nasce l’associazione “Nuove Idee” per dare lavoro e formare soggetti con problemi di salute mentale. Dal marzo 2010 è operativa la cooperativa “Via del Campo” che si occupa di agricoltura, con la vendita diretta di prodotti dell’orto e di altre varie attività. Nel 2012 è nata invece la pizzeria a San Paolo ‘Fuori di pizza’, dove lavorano gli utenti come volontari. Nello stesso anno ha preso il via Pangea – associazione di giovani e adulti con disagio psichico – nata con il supporto e l’incoraggiamento di operatori e volontari dell’associazione Aurora.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »