energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Vernio mette in campo i BTC, i buoni turistici comunali Notizie dalla toscana

Vernio – L’Alta Valle de Bisenzio – meta per decenni dei vacanzieri della Toscana vicina, compresi gli inglesi che vivevano a Firenze – si prepara ad accogliere i turisti, prima di tutti i pratesi in cerca di ristoro dal caldo che rende ancora più faticoso da sopportare il tempo del dopo pandemia.

E a proposito di strutture di accoglienza sabato a Montepiano è stata festa grande per l’inaugurazione del rinnovato piazzale degli Alpini che è diventato anche un hub di servizi turistici, grazie a un progetto del Comune e a un contributo di 420 mila euro arrivato dalla Regione. A tagliare il nastro con il sindaco Giovanni Morganti anche il presidente della Regione, Eugenio Giani e l’assessore Stefano Ciuoffo. Presenti anche l’assessore al turismo di Bologna Matteo Lepore (presidente anche della Destinazione turistica della Città metropolitana) e il presidente della Confederazione italiana Campeggiatori, Giovanni Grassi.

Intanto per incoraggiare i turisti a soggiornare in Vallata il Comune di Vernio – come aveva fatto lo scorso anno – ha deciso di mettere in campo i BTC, i buoni turistici comunali. Il buono è una sorta di sconto applicato direttamente dalle strutture ricettive che aderiscono all’iniziativa per chi soggiorna per un minimo di almeno 3 o 6 notti. Per tre pernottamenti di almeno due persone il buono è di 100 euro che diventa di 200 se il soggiorno è di almeno 6 notti. Se il turista soggiorna da solo con tre pernottamenti ha uno sconto di 50 euro, sono 100 per sei notti.

Abbiamo scelto di confermare questo progetto innovativo, utilizzato già lo scorso anno, per potenziare la qualità dell’accoglienza e sostenere le nostre strutture ricettive impegnate nella ripartenza- spiegano il sindaco Giovanni Morganti e l’assessore al Turismo Maria Lucarini – vogliamo incoraggiare e premiare i turisti che scelgono di stare qualche giorno in Val di Bisenzio e apprezzano le sue straordinarie risorse ambientali. Al tempo stesso questa misura ci consente di restare accanto agli imprenditori locali in modo positivo”.

Sul sito istituzionale è già in pubblicazione un avviso rivolto agli operatori alberghieri, ai gestori di alloggi vacanze e di strutture per brevi soggiorni finalizzato alla formazione di un elenco di esercizi che aderiscono all’iniziativa. A disposizione ci sono 7 mila euro – tra luglio e settembre – una cifra che può portare a 500 notti di soggiorno scontato. Gli imprenditori hanno tempo fino al 5 luglio per iscriversi all’elenco per il primo periodo 7 luglio – 31 luglio l’iscrizione resta comunque aperta fino al 26 luglio per coloro che aderiranno successivamente per il secondo periodo 1 agosto – 31 agosto e fino al 26 agosto per il restante periodo 1 settembre -13 settembre.

Lo sconto viene applicato immediatamente dall’esercente al momento del pagamento. Per ogni struttura ricettiva aderente sarà stabilito un importo massimo di buoni, comunque non superiore al 30% della somma assegnata al periodo. Il possessore del buono che soggiornerà presso l’esercizio aderente all’iniziativa avrà diritto ad uno sconto sul totale del soggiorno pari al valore del buono ricevuto

Del resto la storia turistica dell’Alta Valle è lunga e affascinante: scoperta a fine Ottocento dalla buona borghesia cosmopolita di Firenze è stata meta assai frequentata per tutto il Novecento. È una bella storia che arriva fino ad oggi e si lega alle nuove forme di turismo slow.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »