energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Verso un polo fieristico Arezzo-Rimini-Vicenza Economia

Firenze – Si va verso la costituzione di un unico polo fieristico tra Arezzo e le già unite Rimini e Vicenza. È quanto prevede il protocollo d’intesa firmato questa mattina a Firenze dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, e dai presidenti dei Consigli di amministrazione di Arezzo fiere e congressi srl e di IEG (Italian exhibition group) spa, Andrea Boldi e Lorenzo Cagnoni.

Il protocollo, valido fino al 31 dicembre 2021, si compone di soli cinque articoli e disciplina le modalità di attuazione dell’accordo in merito alle manifestazioni orafe aretine: non più un mero acquisto da parte di IEG del diritto ad organizzarle, ma la possibilità di trasformare l’opzione di acquisto in un’opzione di ingresso di Arezzo fiere e congressi srl nel capitale di IEG.

Una possibilità che verrà meglio definita da un tavolo tecnico paritetico che sarà costituito entro sei mesi da oggi e dovrà  concludere i suoi lavori entro la prima metà del 2019. Sarà chiamato anche ad individuare i criteri per la stima del valore di IEG Spa e le modalità di ingresso di Arezzo fiere in IEG, oltre “alle possibili sinergie attuabili tra le fiere toscane e il polo fieristico di Rimini-Vicenza”.

Il protocollo definisce anche gli impegni delle parti. Dopo la sottoscrizione del contratto, che dovrebbe essere approvato domani nel corso dell’assemblea dei soci di Arezzo fiere, le parti si impegnano ad approvare un emendamento che recepisca quanto definito dal tavolo tecnico.  In particolare  rendere possibile l’ingresso di Arezzo fiere nella compagine societaria di IEG fin dal 30 giugno 2019.

Sarà infine possibile stipulare patti parasociali, accordi di programma e idonee intese, utili a garantire l’attuazione di quanto previsto dal protocollo sottoscritto stamani.

I sottoscrittori non mettono in discussione, anzi valutano positivamente il contratto già concordato e i suoi contenuti, ma puntano ad una più stretta integrazione tra le due società fieristiche. Quindi a partire dalle edizioni di quest’anno e fino a quelle del 2021, OroArezzo e Gold Italy, le due fiere aretine, saranno gestite da IEG che utilizzerà la struttura e parte del personale di Arezzo fiere. La società romagnolo vicentina si vincola a non organizzare in Italia alcuna manifestazione orafa nei due mesi precedenti e successivi ad OroArezzo.

Ma da oggi tutto questo rappresenta il preludio ad una possibile, auspicata fusione in un unico grande polo fieristico, il più grande d’Italia, che ha come obiettivo la quotazione in borsa e punta a fungere da ulteriore aggregatore per altre realtà fieristiche.

Il protocollo prevede infine che il testo possa essere sottoscritto anche dagli altri soci pubblici di Arezzo fiere come Camera di Commercio, Comune e Provincia.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »