energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Via le auto blu, a Capannori arrivano le navette Notizie dalla toscana

Capannori (Lucca) – Dal Comune di Capannori si andrà alle riunioni a Lucca con la navetta. Questa è la linea del sindaco Luca Menesini, uno dei fautori della nuova navetta Lucca-ospedale San Luca-Capannori che dallo scorso lunedì collega le due città con una cadenza regolare di 30 minuti, e che adesso vuole che il servizio sia sfruttato a dovere.

Per il sindaco di Capannori, infatti, spetta agli amministratori – lui per primo – agli assessori e ai dipendenti del Municipio dare il buon esempio ai cittadini.

Menesini, quindi, ha già dato indicazioni precise alla sua giunta e agli uffici che gestiscono gli automezzi su come regolamentare, adesso che è in funzione la nuova linea dei pullman, l’assegnazione delle auto comunali.

“La nuova navetta realizza un’opportunità concreta per gli spostamenti fra Lucca e Capannori – dice Menesini –. Il fatto che passa ogni 30 minuti, infatti, crea le condizioni per cui il sottoscritto, gli assessori e i dipendenti dell’ente possano andare alle riunioni in città usando i mezzi pubblici. Adesso non c’è più l’incertezza degli orari o di quanto bisogna spettare: il servizio è puntuale e con cadenza regolare. Per la nostra amministrazione la mobilità sostenibile non è uno slogan, ma un’azione da concretizzare con tante scelte concrete che creano per i cittadini le condizioni migliori per modificare alcune abitudini. E’ inutile chiedere alle persone di utilizzare meno l’auto se non potenziamo il servizio pubblico dei pullman. Oggi, almeno fra piazza Aldo Moro di Capannori e la città di Lucca, e viceversa, c’è la possibilità di andare e tornare comodamente con la navetta. Saremo noi amministratori per primi a dare il buon esempio, e ho chiesto che anche i dipendenti del Comune facciano lo stesso”.

Per il primo cittadino capannorese i vantaggi di questa operazione sono numerosi. Anzitutto si tratta di una strategia per incentivare l’uso dei mezzi pubblici, andando a modificare gli stili di vita delle persone. Questo comporterebbe anche la riduzione del numero delle auto in circolazione, con le conseguenti ripercussioni positive sul traffico e sulla qualità dell’aria.

“L’utilità ambientale e civica di questa scelta è evidente – continua Menesini –. Accanto a questa, che è prioritaria, c’è anche il vantaggio per gli assessori e i dipendenti di non dover più perdere tempo a cercare parcheggio per la macchina. Ritengo corretto che i cittadini vedano da noi come sfruttare al meglio i servizi che mettiamo a loro disposizione, in modo da fare la stessa scelta. Invito, quindi, anche gli altri enti locali che, quasi ogni giorno, sono interessati da questo tipo di spostamento di fare altrettanto. Questa navetta, insieme alla linea Marlia-San Leonardo, rappresenta un primo passo concreto per una vera mobilità alternativa. Sono certo che tutti insieme faremo anche gli altri passi che ci porteranno a dotare la Piana di un servizio di mobilità pubblica utile, comodo, funzionale”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »