energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Bottega delle Meraviglie di via Toscanella Rubriche

Partendo da qui, si svolta a destra e s'infila in un vicolo laterale per entrare dentro un usciolo che porta alla misteriosa “Bottega delle Meraviglie”: «Su per quella scala. In alto una stanzaccia squallida, ingombra di casse di ogni specie. Uno scheletro alla parete, un materasso su due cassoni La “Bottega delle Meraviglie”.»
«Si avviarono chiaccherando verso gli edifici che fronteggiano Palazzo Pitti. Fra due di essi, altissimi, si apriva una specie di fessura stretta e buia; e a quella andò Del Nero, seguito dagli altri.  – Ma come è qui? – esclamò Marina, sgomenta alla vista di quel tetro budello tenebroso.
– Sicuro: o meglio, si va per di qui. E attenta a dove mette i piedi.                                                                      
Marina si addentrò in quel tenebrore stringendosi involontariamente al compagno, che poi era lo stesso Del Nero; e si accorse subito che la raccomandazione fattale non era superflua, poiché il vicolo era letteralmente pavimentato di sudiciume e di residui di ogni genere. Pochi passi, e sboccarono in una piazzetta male illuminata, da cui si dipartivano altre quattro strade oscure quanto  quella dalla quale giungevano. Dovunque si levavano nel buio case alte, strette, sbilenche. Alla fioca luce dei fanali i muri apparivano corrosi dall'umidità e dalla vecchiaia come da una cancrena, e fino ad altezza d'uomo incrostati di sudiciume. Marina sentì come un gelo al cuore.
– Non avrei mai creduto… – cominciò; ma il suono della sua stessa voce, stranamente echeggiante nel profondo silenzio della piazzetta, la fece interrompere.
– Che cosa, signorina?
– Che in Firenze fossero luoghi simili. Orribili proprio!
Infatti c'era qualcosa di veramente impressionante nel minaccioso silenzio di quel piccolo mondo cupo e miserabile che si celava, ignorato dai più, dietro un triangolo di vie affollate e vivaci.»

Da: Giorgio Spini, La Bottega delle Meraviglie (I Libri Gialli di Mondadori, 1936)
Giorgio Spini, il grande storico, scrisse appena ventenne La bottega delle meraviglie, che fu pubblicato ne “I Libri Gialli di Mondadori” nel 1936.
 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »