energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Viareggio, auto carambola su motopesca Notizie dalla toscana

La segnalazione riferiva ai marinai di via Oberdan che un’auto – dopo una carambola – era finita sopra un motopesca il “Piccolo Tito” della locale marineria viareggina  ormeggiato lungo la sponda nord del Canale Burlamacca del porto di Viareggio nei pressi dell’Istituto comprensivo Suore Mantellate. Immediatamente scattava l’emergenza e partiva il Nucleo NODM della Guardia costiera viareggina che, sotto la direzione del Comandante Vitiello, si precipitava sul posto per verificare l’accaduto. I militari con le stellette – giunti in zona dopo pochi minuti – constatavo uno scenario davvero incredibile: una jeep Pajero colore grigio era adagiata sul ciglio banchina del Canale Burlamacca tra il motopesca “Piccolo Tito” ed un natante da diporto di colore bianco ormeggiato in zona. L’automobile si trovava messa in prima sicurezza grazie ad un mezzo dei Vigili del Fuoco, nel frattempo sopraggiunto, che tramite un cavo d’acciaio di ritenuta ne impediva la definitiva discesa nelle acque del Canale. A bordo dell’auto E.G. camaiorese di circa 67 anni si trovava ancora sul posto con alcune ferite ma in non gravi condizioni, estratto dall’auto – dopo l’incidente – da alcuni diportisti testimoni dell’accaduto. A bordo del motopesca (B.Y. viareggino di 32 anni) mentre dell’unità di diporto (B.C. viareggino di 48 anni), visibilmente molto spaventati a causa dell’evento che per miracolo non li aveva colpiti. Lo stesso E.G. conducente dell’automobile provvedeva a contattare un’autogru dell’ACI che dopo alcuni minuti provvedeva ad iniziare le complesse e delicate operazioni di rimozione dell’autovettura, ancora in precario equilibrio, riportandola sulla carreggiata. Nel frattempo, a causa un trafilamento d’acqua venutosi a creare a poppa del motopesca ed a prua dell’unità da diporto (entrambe colpite dall’automobile) veniva allertata la Motovedetta CP 813 della Guardia Costiera di Viareggio che in pochi minuti dirigeva in zona insieme ad un’unità da rimorchio privata per eventuali necessità.

Entrambe le unità danneggiate, scortate e con l’assistenza della Motovedetta CP 813 (dotata di una pompa di esaurimento in caso di necessità),  venivano così trasferite in Darsena Viareggio ove successivamente venivano alate a secco in area portuale. Nei prossimi giorni gli uomini con le stellette proseguiranno gli ulteriori accertamenti in materia di sicurezza della navigazione, volti a quantificare i danni delle unità navali coinvolte, in ossequio alle vigenti disposizioni in materia previste dal Codice della Navigazione ed altra pertinente normativa. Ancora una volta pare opportuno segnalare l’estrema utilità di allertare prontamente la Capitaneria di porto di Viareggio, raggiungibile anche tramite numero blu gratuito 1530 per tutte le emergenze in mare, anche in campo ambientale marino e costiero. COM

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »