energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Vie di pellegrinaggio: Colle protagonista della Francigena Turismo

Colle Val d’Elsa torna protagonista sulle pagine di “Via Francigena and the Pilgrimage Ways” con un articolo sui centri francigeni firmato dall' assessore al turismo Federica Casprini e dall'assessore allo sviluppo economico Filomena De Marco. Il nuovo numero della rivista, dedicata all’antica via di pellegrinaggio, è stato presentato nei giorni scorsi a Parigi presso l’Istituto italiano di cultura, dove è stato festeggiato anche il 20° anniversario del conferimento della menzione di “Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa” alla Via Francigena. La presentazione della rivista, disponbile anche online sul sito www.rivistaviafrancigena.it. è stata l’occasione per far conoscere al publico presente tutti i territori attraversati dalla Via Francigena.

“Siamo in una fase importante – commentano i promotori della rivista – che vede il progetto della Via Francigena fra le iniziative del semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea e di Expo Milano 2015, occasioni di visibilità su scala mondiale. Il numero di camminatori, pellegrini ed escursionisti – aggiungono – è in forte aumento e registra il crescente coinvolgimento di istituzioni e associazioni impegnati tutti insieme a rendere fruibile il percorso favorendone la promozione a tutti i livelli, locale, regionale, nazionale e internazionale. In questo modo l’antica via di pellegrinaggio si sta radicando sempre di più nei territori, rafforzando un importante e significativo fenomeno di identità culturale locale e offrendo opportunità di lavoro in un’economia sostenibile”.

L’iniziativa si è chiusa con un appuntamento gastronomico che ha visto protagonisti prodotti tipici piacentini, il formaggio Parmigiano-Reggiano – il cui Consorzio è da anni main sponsor della rivista – e una degustazione di vini in calici di cristallo prodotti a Colle di Val d’Elsa. I calici utilizzati per la degustazione sono stati donati dal Comune di Colle di Val d’Elsa all’Istituto italiano di cultura di Parigi, che li utilizzerà nei propri eventi culturali e, in particolare, nei corsi di cucina italiana tenuti da chef stellati.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »