energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Vino Nobile di Montepulciano, annata d’oro Economia

Firenze – Il 2015 è stata un’annata d’oro per il Nobile di Montepulciano, che ha visto crescere ovunque consumi e export. Dal punto di vista delle quantità, il mercato tedesco è quello in cui il vino è volato più in alto nel corso del 2015. La Germania infatti è tornata a crescere del 3%, raggiungendo addirittura il 46% del totale esportazioni, affermandosi in cima alla classifica per le vendite del Nobile. Ottima performance anche per la Svizzera (+7%) che con il 17% rappresenta uno sbocco importante. Il dato più significativo però arriva dagli Stati Uniti, che segnano un +10% nel 2015, assicurandosi così il 20% dell’export del Nobile. Successo anche per i mercati asiatici ed extra Ue con oltre il 7% delle esportazioni.

In linea con gli ultimi anni dunque anche il 2015 si conferma anno dell’export, con una quota destinata all’estero pari all’80% di prodotto, mentre il restante 20% viene commercializzato in Italia. A proposito di mercato nazionale le principali vendite sono registrate in Toscana per il 47%. Al Nord invece è stato venduto il 16% del totale.

Questi successi sono stati messi a segno grazie anche alla sistematica strategia di promozione sui mercati esteri condotta dalle varie aziende. In questi giorni il Consorzio del Nobile è al Prowein di Dusseldorf una delle fiere di riferimento in Europa anche per il vino italiano. «Possiamo dirci più che soddisfatti di questa prima uscita fieristica dell’anno – ha commentato il presidente del Consorzio, Andrea Natalini – per un mercato, quello tedesco che già nel 2015 è tornato a crescere, ma che per l’anno in corso sta dando degli ottimi risultati già a partire da questo primo trimestre». Tre giorni di grande lavoro con centinaia di contatti, banchi d’assaggio presi letteralmente d’assalto. Tutti lì per scoprire le ultime annate in commercio da poco presentate all’Anteprima del Vino Nobile, il Nobile 2013 e la Riserva 2012. In questa occasione è stato presentato ai tedeschi il nuovo logo che accompagnerà i prossimi anni l’immagine coordinata del vino. E’ sempre lui, il grifo, il simbolo di Montepulciano, ma in una diversa prospettiva: seduto sopra la città, a salvaguardia di Montepulciano, con le ali spiegate pronto a spiccare il volo.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »