energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Viola rinforzati contro il Torino. Manca la fortezza Badelj – Vecino Sport

Firenze – Forze fresche. I viola  si presentano alla sfida col Torino con i nuovi acquisti Zarate, Tino Costa e probabilmente Tello, il fenomeno della cantera del Barcellona approdato alla corte di Sousa questa mattina. Tre innesti fondamentali per i viola che tra infortuni, squalifiche e giocatori hanno bisogno di nuove possibilità per ravvivare una squadra che ultimamente sembra essersi un po’ spenta.

Ed ancora il mercato potrà e dovrà regalare il tanto atteso difensore e possibilmente un centrocampista dopo aver perso Grassi accasatosi al Napoli. In dirittura d’arrivo sembra esserci Cigarini, esperto regista dell’Atalanta e per la difesa i dirigenti viola si stanno concentrando su Mammana, giovane stellina del River Plate nato nel ’96. Fiorentina quindi che appare decisa a dare a Sousa una rosa completa in tutti i reparti per affrontare un girone di ritorno difficile, con una serie A che ha capito le idee tattiche di Sousa.

E domani contro il Torino la sfida sarà fondamentale, dopo due sconfitte consecutive e un gioco che ha latitato dopo la trasferta vittoriosa di Palermo. E sui gemellati granata, che all’andata vinsero 3-1 travolgendo tatticamente i viola nel secondo tempo, Sousa ha le idee chiare: “Il Torino è una squadra importante, matura. Grande organizzazione e trovano il momento giusto per far sbagliare gli avversari. Sarà una buona prova per testare le nostre capacità e ricordiamoci che all’andata in otto minuti ci hanno messo in seria difficoltà”.

La fase difensiva sarà la chiave di volta, per fermare Immobile e compagni, e per ridare sicurezza a tutta la squadra dopo la pessima prestazione di Milano: “Non possiamo smettere di pensare che i giocatori hanno fatto bemissimo nella prima parte di stagione. Quando ci sono difficoltà nella circolazion, non è solo colpa dei difensori. Poi ci sno anche gli avversari, che in certi momenti ti possono mettere un po’ più in difficoltà, anche a seconda del periodo di forma che si attraversa”.

Ma domani i veri problemi saranno a centrocampo, con i titolari Vecino e Badelj assenti: “Nelle difficoltà spesso si trovano delle opportunità, sia per i giocatori stessi della rosa, sia per trovare varianti tattiche che ci possono aiutare. Dobbiamo inventarci qualcosa e abbiamo lavorato su questo. Dobbiamo essere sempre positivi e protagonisti, senza arretrare le linee o perdere convinzione. Le caratteristiche dei miei giocatori sono diverse e dobbiamo puntarci per vincere sempre”.

Intanto Sousa analizza il mercato di Pradè soddisfatto per quello fatto fin’ora ma sperando in qualche nuovo arrivo che completi la squadra: “Noi vogliamo sempre migliorare, ma la realtà del mercato è questa. I più scontenti cercano di essere più contenti, i più contenti cercano un miglioramento anche dal punto di vista contrattuale. Dobbiamo convivere con questa realtà e pensare ai nostri impegni. L’ultima volta ho detto che tutte le decisioni sono condivise per far integrare i nuovi nel gruppo e cercare di vincere il più possibile”.

Intanto in avanti, con l’addio di Rossi, sono arrivati Zarate e Tello, entrambi con voglia di riscatto dopo un annata non al top: “Tello è molto veloce, e grazie a questo ci può aiutare su entrambe le fasce, anche in verticale con l’ultimo passaggio e con i gol. Zarate? Anche se dribbla troppo ma ti crea opportunità da gol, ben venga”. E con tutte queste opportunità in avanti si può pensare anche a qualche cambio di modulo, passando al 4-2-3-1 o al 4-3-3. Ma su questo Sousa è chiaro: “Non credo ci saranno novità sotto questo punto di vista. L’idea è quella di avere sempre gli stessi principi di gioco. Le varianti che avremo saranno con linee più alte o più basse. I moduli sono statici, cambiano solo le linee. Ci possiamo lavorare ma serve tempo, perché è complesso”.

Intanto Rossi ha salutato tutti, andando in prestito al Levante, sperando di trovare quelal continuità che a Firenze non è riuscito a trovare puntando all’Europeo: “L’augurio è quello di vederlo felice. LA società si è comportata benissimo nel suo momento di recupero, dandogli l’aiuto necessario. Aveva bisogno di continuità e il Levante credo che possa dargliela. Sono fiducioso di vederlo migliorare e di rivederlo meglio”.

Confidando che la prossima estate possa tornare protagonista a Firenze.

Foto: calcio.fanpage.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »