energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Violenza sulle donne: i venti anni del centro La Nara Cultura

Prato – All’interno di Officina Giovani, accompagnata dalle note di un musicista, l’attrice Daniela Morozzi ha letto in apertura un brano di Nara Marconi, tratto dal libro “La Nara. Una donna dentro la storia”, scritto da Maricla Boggio nel 1991,ripubblicato quest’anno,(e il cui ricavato andrà devoluto al centro anti violenza  di Prato).

L’occasione è stato il ventennale della fondazione del centro antiviolenza donne La Nara di Prato. Sono state le stesse donne di Prato che fanno parte dell’associazione a volere che questo libro a distanza di tanti anni venisse ripubblicato, così senza cambiamento alcuno, perché la vita di questa pratese straordinaria resta per le giovani e giovanissime un’importante testimonianza storica.

L’autrice ha infatti raccolto tutta una serie di documenti, registrazioni, interviste e fotografie che ci parlano di Nara Marconi e di come ella abbia vissuto con grande tenacia e determinazione, un’epoca di profonde trasformazioni sociali.

Dall’idilliaco mondo contadino, agli anni della dittatura  fascista, al conflitto mondiale, alla resistenza, alla militanza di partito, all’impegno sociale, alle lotte sindacali, all’adesione ai movimenti femministi, agli intensi momenti d’amore e di attaccamento alla propria famiglia.

Sono particolarmente felice di essere qui con voi in occasione di questo anniversario,– cosí il Sindaco Matteo Biffoni alla numerosa platea in sala – perché l’associazione La Nara si prende cura della vita delle persone che attraversano un periodo difficile e che aiutano a non sentirsi sole. L’amministrazione comunale non può sempre arrivare a tutto e sapere che ha al proprio fianco un’associazione che arriva dove c’è il degrado, la paura e l’emarginazione e che è sul territorio da ben venti anni, vuol dire che non ha solo operato bene, ma che ci ha messo tanta passione. Vorrei poter dire che di questa associazione si potesse ricordare solo per ciò che d’importante ha fatto in questi anni, ma purtroppo non è così, i dati e ciò che avviene quasi ogni giorno sotto i nostri occhi, ci dicono che abbiamo ancora bisogno dell’associazione La Nara, del suo impegno e aiuto.”

“Ho lavorato nel sociale per ben 39 anni –  ci racconta Loredana Dragoni la coordinatrice del Centro,- ma ció che ho provato in vent’anni al centro La Nara,tocca le corde del cuore anche perché le esperienze di quelle donne vittime di violenza, le vivi in prima persona quasi come se fossero capitate a te. Ti appassioni alle loro storie e cerchi di aiutarle”. Ad oggi il centro può contare sulla collaborazione di 10 donne professioniste che lavorano al Centro ognuna con il proprio indirizzo professionale,sulle tirocinanti provenienti dalle Università e su 4 o 5 volontarie.

“La violenza sulle donne è purtroppo una costante che non conosce razza, colore della pelle o religione”- continua Loredana Dragoni,- ma diciamo anche  che differenti possono  essere i percorsi di uscita dalla violenza e soprattutto i tempi di recupero ma qui determinante è la famiglia e il gruppo socio-culturale d’appartenenza.

Per esperienza personale posso dire che le giovani più facilmente superano il trauma della violenza,a differenza delle meno giovani;importante a questo proposito anche l’opera di sensibilizzazione che facciamo nelle scuole. Infatti non mi stancherò mai di dire – e conclude,- che bisogna parlare alle nuove generazioni e nei contesti scolastici,perché è nelle relazioni che si manifestano i primi segnali di disagio ed è più facile intervenire.”

Il Centro La Nara, grazie alla volontà di donne che militavano nel collettivo femminista di Prato, guidato proprio da Nara Marconi negli anni ’70, vide la luce nell’ambito della cooperativa sociale Alice Onlus. Si concretizzò così un progetto  grazie alla legge 66/96 “Norme contro la violenza sessuale,”varata il 15 febbraio 1996 e con la quale la Regione Toscana stanziò i primi  fondi per la nascita dei centri antiviolenza. Il Centro La Nara aderisce inoltre al Coordinamento Nazionale D.i.Re e al Coordinamento Regionale dei Centri Antiviolenza

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »