energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Vita indipendente, la lotta dei disabili ottiene un primo risultato Breaking news, Cronaca

Firenze – E’ un giorno memorabile, quello di oggi, per le persone disabili gravi. Anni di lotte, culminate con l’occupazione di una settimana della sede della regione Toscana, da parte di Luigi Gariano e col sit-in ad oltranza di Vita Indipendente appoggiata da diverse associazioni di disabili,  hanno ottenuto ciò che all’inizio della mobilitazione sembrava impossibile: altri 2 milioni e mezzo di euro da aggiungere ai nove che la Regione stanzi annualmente. Ed ecco a cosa servono questi fondi: a rendere veramente autonomo il cittadino affetto da disabilità gravi, che dunque necessita di una serie di servizi e agevolazioni per vivere senza doversi preoccupare circa la propria autonomia. Un diritto, quello alla qualità della vita. “Certo non si è azzerata la lista di attesa ma comunque è una grossa Vittoria, siamo la regione che può vantare di essere d’esempio per tutta la nazione è per quasi tutti i paesi dell’Europa. Questa è la dimostrazione che i disabili non sono solo un costo per la società ma sono un esempio di civiltà sociale”.

Tuttavia, quella che si è conclusa stamane è solo la prima parte di una mobilitazione che persegue obiettivi più complessi, tant’è vero che da lunedì partirà  un tavolo di confronto per “eliminare la lista di attesa di persone in condizione di bisogno, presente sul nostro territorio, smantellare l’ultima delibera della Giunta Regionale che ha preso una serie di decisioni sbagliate sul tema della vita indipendente”, come riportano in un comunicato i consiglieri comunali di Spc Palagi-Bundu.

Un plauso anche dalla candidata dei M5S alla presidenza regionale, Irene Galletti, che tuttavia rilancia: “Serve una legge ordinaria in grado di dare continuità a questi progetti. Ho invitato i candidati governatori a prendersi l’impegno, chiunque vinca, di varare una legge entro i primi 100 giorni, con il contributo delle associazioni. Purtroppo per ora il mio appello è caduto nel vuoto”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »