energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

10 febbraio, Giorno del Ricordo: un seminario a Figline-Incisa Notizie dalla toscana

Figline-Incisa Valdarno (FI) – L’incontro “Una tragedia italiana nella tragedia europea: le foibe e gli esodi degli istriani, fiumani, dalmati” all’Istituto “Marsilio Ficino” e Isis “Giorgio Vasari”, per commemorare le vittime Foibe ed esodo di Istriani, Fiumani e Dalmati.  L’evento per la ricorrenza del Giorno del ricordo, il 10 febbraio di ogni anno, si svolgerà per motivi didattici  il 23 febbraio.

Anche a Figline e Incisa si celebra il “Giorno del Ricordo”,  istituito come il 10 febbraio di ogni anno dalla legge 30 marzo 2004 n. 92 per commemorare le vittime dei massacri delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata, con un evento di commemorazione il 23 febbraio. Per l’occasione la presidenza del Consiglio comunale, in collaborazione con il centro sociale “Il Giardino” che ospiterà l’iniziativa (via Roma-Figline), promuove una riflessione rivolta agli studenti dell’Istituto “Marsilio Ficino” e dell’Isis “Giorgio Vasari”. “Per motivi legati alla didattica degli istituti scolastici coinvolti, l’incontro – spiega la nota del Comune di Figline e Incisa –  dal titolo “Una tragedia italiana nella tragedia europea: le foibe e gli esodi degli istriani, fiumani, dalmati” si terrà il 23 febbraio dalle ore 11 alle 13, alla presenza della presidente del Consiglio Cristina Simoni e dell’insegnante Silvano Priori dell’Istituto storico della Resistenza in Toscana.

“E’ un dovere morale e politico – ha commentato la presidente Simoni – recuperare e far emergere la memoria sulle vicende drammatiche che coinvolsero le popolazioni della Venezia-Giulia, dell’Istria e della Dalmazia. Lo faremo approfondendo lo sguardo storico e politico su un periodo complesso, per riflettere insieme agli studenti sul dramma di questa vicenda alimentata dalla diversità culturale, linguistica, etnica, una vicenda che fu vista come una minaccia. Anche in questa occasione noi ci schiereremo dalla parte giusta, quella delle vittime”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »