energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Vivere a Gaza un anno dopo la morte di Simone Camilli Opinion leader

Pisa – Per chi avesse interesse a capire il dramma che vivono i civili a Gaza, vi invitiamo a cercare in rete i video di Simone Camilli. Giornalista italiano morto nella Striscia di Gaza il 13 agosto 2014 per lo scoppio di un ordigno bellico durante il tentativo maldestro di disinnesco. Sono documenti di grande attualità, che dimostrano il talento del reporter prematuramente scomparso all’età di 35 anni.

Simone aveva le radici a Pitigliano, la piccola Gerusalemme della Toscana, dove proprio l’anno scorso si svolse l’ultimo commosso saluto al rientro del feretro dalla Terra Santa. In Medioriente lavorava da qualche anno, nel 2011 Camilli con Pietro Bellorini aveva realizzato il documentario About Gaza, 21 minuti di vita quotidiana nel tratto di terra palestinese bagnata dal Mediterraneo e coperta dalle dune del deserto, uno sguardo nel regno di Hamas e nel conflitto con Israele. Tra povertà e rassegnazione.

Il trascorrere dei giorni dentro la più popolata prigione a cielo aperto al mondo, paragonata ad un Inferno, sicuramente non è un Paradiso terrestre come dimostrano le immagini raccolte in quel viaggio. Vivere a Gaza era ed è difficile. L’emergenza è cronica. La mortalità infantile oggi raggiunge il 22,4%. A settembre c’è il rischio che l’UNWRA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, per mancanza di fondi non sia più in grado di aprire le scuole. A Gaza le risorse idriche scarseggiano e lo spettro di un nuova guerra è dietro l’angolo.

L’ultima quella dello scorso anno, ha distrutto case e provocato morte, degli oltre duemila cadaveri un quarto sono donne e bambini. In quella parte del mondo il calendario segna solo due stagioni: guerra e tregua. Scordatevi la pace, il clima politico non lo permette. Per ricostruire Gaza, rimarginare le ferite ci vorranno anni e soldi, miliardi di dollari. Ma sopratutto ci vorrà la volontà politica di costruire un nuovo futuro per la Palestina, per la sua gente.

Fino a quel giorno nei cieli della Terra Santa imperverserà una bufera di follia e violenza, la morte non risparmierà nessuno, nemmeno i giornalisti disposti a rischiare la vita, non per uno scoop sensazionale ma semplicemente per presentare la realtà dei fatti: “cartoline” dal Medioriente. Raccogliendo lo spaccato inquietante della normalità dei gazawi e il loro convivere amaramente senza pace.

Negli scatti di Camilli c’è la passione per il giornalismo, alla ricerca dell’umanità e della disumanità della storia, elementi che ritroviamo nell’altro interessante documento che il giornalista ci ha lasciato. Il titolo è Gaza 22 sono pochi minuti di filmato, l’obiettivo della camera di Simone ci porta dove infiamma la battaglia, nel conflitto che ferisce il Medioriente da anni: bombardamenti, carri armati, esplosioni, giovani con la kefiah al volto che affrontano l’esercito israeliano e poi la devastazione, le macerie degli edifici rasi al suolo.

È la tragedia ricorrente e interminabile di una striscia di terra che scorre lungo il mare ma da dove per uscire la cosa più semplice è scappare sotto terra, come una talpa, attraverso i tunnel che portano in Egitto. In tutti i contesti di estrema povertà, di totale alienazione, c’è chi approfitta della situazione per speculare, lucrare. A Gaza lo fanno i miliziani che nascondono le armi nelle scuole o negli ospedali. E lo fanno coloro che introitano somme esorbitanti con il contrabbando di armi, droga e beni di prima necessità.

Ma la maggioranza della popolazione, quella silenziosa e spesso dimenticata dalla cronaca è obbligata ad un mondo molto diverso dal nostro, un contesto che Simone Camilli ha saputo mostrare con correttezza d’informazione, in una Terra Santa dove le notizie obbligano a riflettere profondamente. Ma proprio per questo Gaza deve essere raccontata al mondo, non si possono spegnere le telecamere e abbandonarla, facendo finta che quel lembo di terra non esista. Perché Gaza c’è, esiste ed è vera nel suo dramma umanitario e sociale, nella consapevolezza che ad un anno dall’ultimo conflitto, dove ha perso la vita un bravo e giovane giornalista italiano, continui a non esserci una prospettiva, la vita.

Il video documentario di Simone Camilli e Dan Balilty pubblicato su giornali e su youtube

Alfredo De Girolamo   Enrico Catassi
autori del blog www.ilmedioriente.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »