energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Vivere Vegan, flash mob in piazza della Repubblica a Firenze Foto del giorno

Firenze – Per la giornata internazionale per i diritti degli animali, l’associazione Progetto Vivere Vegan ha proposto oggi alcune iniziative nel centro di Firenze. Tante persone hanno seguito il flash mob in piazza della Repubblica e si sono fermate al tavolo informativo in via Roma accettando l’invito a “immedesimarsi” per capire la sofferenza degli animali che sfruttiamo e uccidiamo, a mettersi nella loro pelle, a provare le loro emozioni.

“Possiamo scegliere di non consumare carne, latte, uova e qualsiasi altro derivato animale – ha detto la presidente dell’associazione Dora Grieco –  possiamo vestirci senza rubare agli animali la loro la pelle, la loro pelliccia, la loro vita. E’ stato bello incontrare le persone che in vista delle feste natalizie si stanno avvicinando a scelte di acquisto più consapevoli, siamo anche riusciti a distogliere da acquisti non etici chi non ha ancora aveva riflettuto su questi argomenti”.

“Immedesimarsi” è lo slogan di una pubblicità antispecista di Campagne per gli animali. “L’immagine della campagna è quella di una scrofa utilizzata per la ‘produzione’ di cuccioli che vive una vita terrificante, quasi sempre immobilizzata da sbarre di contenzione – commenta Dora Grieco –  stuprata, picchiata, costretta a partorire e ad allattare i cuccioli rinchiusi in spazi angusti. Poi la separazione e si riprogramma una nuova gravidanza. Chi ascolterà il suo dolore? Chi comprenderà la sua sofferenza? Questa che lei vive è la cruda realtà che noi le imponiamo. Non ha scelta. Non può fuggire. Non giriamo lo sguardo altrove, immedesimiamoci negli animali che facciamo soffrire e prendiamo posizione. Opporci allo sfruttamento è nostro dovere”.

La Giornata internazionale per i diritti degli animali si celebra dalla fine degli anni novanta il 10 dicembre, giorno in cui l’assemblea delle Nazioni Unite, nel 1948, approvò la Dichiarazione universale dei diritti umani.

Foto: Matilde Fineschi

Print Friendly, PDF & Email

Translate »