energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Vivicittà in carcere: in 50 corrono a Solliccianino Sport

Firenze – Lo sport unisce, anche in carcere. Con questo spirito hanno partecipato a Vivicittà circa 50 tra detenuti, educatori e runner all’interno della casa circondariale Mario Gozzini di Firenze. La manifestazione, organizzata da Uisp Firenze e fortemente voluta dalla direttrice della casa circondariale Margherita Michelini, ha visto podismo e solidarietà andare a braccetto. E’ la settima volta che l’iniziativa di Uisp Firenze si svolge dietro le sbarre. A raccogliere l’appello di Uisp Firenze, tra le società sportive, il Gs Le Torri con la presidente Catia Ballotti che dopo la staffetta Firenze-Amatrice è venuta a correre con i detenuti a Solliccianino.

I detenuti hanno compiuto tre giri attorno alle mura della casa circondariale, chi preferiva poteva anche solo camminare e compiere un giro. A fare il tifo gli operatori Uisp che portano avanti i progetti in carcere e gli agenti della polizia penitenziaria perché in fondo davvero l’importante è partecipare. A vincere Jamal, detenuto marocchino di religione musulmana che nonostante il gran caldo (si è corso alle 14) non ha mangiato nè bevuto a fine gara per aspettare il tramonto. A lui una coppa e i complimenti della direttrice e del presidente di Uisp Firenze Marco Ceccantini. Vivicittà ha acceso così i riflettori sulla condizione della popolazione carceraria fiorentina.

“Questa iniziativa – ha spiegato il presidente di Uisp Firenze Marco Ceccantini – si inserisce in un’ottica di inclusione e integrazione ma ha anche lo scopo di conoscere da vicino le problematiche della popolazione carceraria. Uisp Firenze sta portando avanti due progetti di sport in carcere: uno prevede corsi di volley e calcetto per far sì che davvero lo sport sia per tutti, l’altro corsi di formazione per giudici di gara di ciclismo basket volley e atletica in modo da offrire ai detenuti gli strumenti per inserirsi da un punto di vista lavorativo una volta espiata la pena”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »