energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Volley, Champions girone A: Scandicci batte Busto al tie break Sport

Scandicci – La Savino Del Bene si prende  la vittoria, la prima della bolla di CEV Champions League, battendo al tie break una Busto Arsizio che ha mostrato grandi qualità e grinta.

Al via a Scandicci la bolla del girone A di CEV Champions League, nel Palazzetto dello Sport di via Rialdoli si disputeranno tutte le gare d’andata del raggruppamento e la prima partita ad andare in scena è la sfida tutta italiana tra le padrone di casa della Savino Del Bene Scandicci e la Unet E-Work Busto Arsizio.

Le due squadre, che si ritrovano dopo la sfida di campionato del 18 ottobre, vinta a domicilio dalla Savino Del Bene per 3-1, si affrontano nel primo match del raggruppamento, una gara già cruciale per le sorti europee di entrambe.

Per l’occasione coach Barbolini ritrova Enrica Merlo, che rientra in gruppo ma rimane a sedere in panchina. Il 6+1 della squadra scandiccese è infatti quello con Malinov al palleggio, Stysiak da opposto, Lubian e Popovic al centro, con Pietrini e Courtney in banda. Bosetti è invece il libero titolare.

Coach Fenoglio schiera invece la sua squadra con Bonelli al palleggio, Mingardi da opposto, l’ex Scandicci Stevanovic e Olivotto da centrali, Gennari e un’altra ex Scandicci come Gray in banda. Leonardi il libero.

La partita inizia con una Pietrini on fire a trascinare la Savino Del Bene sul 3-1. Busto Arsizio però non fa attendere la sua reazione e pareggia i conti sul 6-6 con l’ace di Stevanovic. Si va di pareggio in pareggio fino al 9-9 di Mingardi, poi Scandicci piazza l’allungo fino al 13-9. La Unet E-Work accorcia fino al 13-11 e si ritrova sul -2 anche sul 14-12. La Savino Del Bene piazza però un nuovo allungo e con Pietrini dalla seconda linea fissa il risultato sul 18-13. Fenoglio ferma la gara con un time out, ma alla ripresa Malinov firma l’ace del +6 (19-13). La Savino Del Bene commette qualche errore di troppo e consente a Busto Arsizio di rientrare fino al 20-17. Barbolini chiama un time out e rimette in ordine le idee della sua squadra. Il set si chiude con l’ace di Stysiak (24-18) e soprattutto con il muro di Lubian (25-18).

L’avvio di secondo set è estremamente favorevole a Busto Arsizio e per Barbolini, sul 1-5, non c’è scelta se non chiamare un time out. La situazione non cambia e con un ace di Stevanovic la Savino Del Bene si trova davanti ad un deja vù, la squadra di Barbolini infatti scivola sotto 1-8 e il tecnico scandiccese deve chiamare un nuovo time out. Il distacco si fa sempre più corposo e solo un errore di Mingardi, che pesta la linea dei tre metri attaccando in pipe, consente alla Savino Del Bene di segnare il 2-9. Poulter firma l’ace del 2-11 e conferma le difficoltà di Scandicci. Barbolini prova allora a cambiare le carte in tavola inserendo Camera e Drewniok per Stysiak e Malinov. La situazione non migliora e con un errore in attacco di Popovic arriva il +11 per Busto Arsizio. Proprio Popovic prova a guidare la rimonta scandiccese e con due punti consecutivi porta il distacco ad una sola cifra (7-16). Un bel muro di Stevanovic e un ace di Mingardi spingono di nuovo indietro una Savino Del Bene che precipita sul 7-19. Per Malinov e compagne il set è ormai compromesso, la formazione di Scandicci cede così il secondo set con il risultato di 11-25.

Dopo un set horribilis la Savino Del Bene torna in carreggiata. L’avvio di terzo set è infatti una sfida punto a punto. Sul 4-4 Fenoglio inserisce Herrera Blanco per Olivotto, ma è la Savino Del Bene a costruire il primo break ed a andare sull’8-5 con Courtney a trasformare in punto un gran salvataggio di Bosetti. Un ace e un mani out di Lubian portano Scandicci sul +4 (10-6). Gli errori della Savino Del Bene consentono a Busto di rientrare fino al 11-9, ma Pietrini c’è e prima mette a terra il 14-11, poi sigla il 16-12 e costringe Fenoglio al time out. Dopo il 18-13 siglato da Stysiak, Barbolini manda in campo Markovic per Pietrini. Malinov di seconda segna il +6, mentre Popovic su di una grande alzata proprio di Malinov spedisce sul taraflex il pallone del 21-14. Busto Arsizio prova a fermare l’emoragia con un time out e con l’inserimento dell’eterna Piccinini, ma Courtney è spietata e mura per il 22-14. La formazione lombarda non si arrende e piazza tre punti di parziale (22-17) obbligando Barbolini al time out. La Savino Del Bene ha però un buon vantaggio da gestire e dopo un ace di Malinov che frutta il 24-17, il punto che chiude il set lo realizza Stysiak a muro (25-19).

Equilibratissimo l’avvio di quarto set, che infatti arriva in parità sul 6-6. La Savino Del Bene non va mai sotto e guida il punteggio in più di un’occasione. Dopo essere stata sul +2 tre volte la formazione di Barbolini viene raggiunta e superata sull’11-12. È però una questione di istanti, un errore di Herrera Blanco vale infatti il 13-12 scandiccese. Stysiak non riesce a trovare le mani del muro e Busto Arsizio, sull’errore della polacca, va per la prima volta sul +2 (13-15). Un ace di Stysiak riporta il punteggio in parità e sempre l’opposto della Savino Del Bene firma il 18-17. Fenoglio chiama un time out, mentre Barbolini mette in campo Drewniok, Camera e Markovic. Il punto del 20-18 è proprio della neo entrata Drewniok, che chiude un lungo scambio. A firmare il 21-19 e Lubian, a realizzare il 22-19 sempre la centrale azzurra che, con un ace, fa +3 Scandicci e obbliga Busto Arsizio a chiamare un time out. Nel finale Busto Arsizio si riporta sul -1 (23-22) sfruttando due errori consecutivi della Savino Del Bene, il terzo errore di Stysiak vale invece per il pari sul 23-23. Gennari mette la freccia per Busto Arsizio (23-24), mentre il 23-25 è opera di Mingardi che alla prima occasione buona chiude il set.

La sfida si chiude così con la battaglia del tie break. La Unet E-Work va subito al comando delle operazioni grazie a Mingardi e Stevanovic (1-3). La squadra di Barbolini acciuffa il pari sul 3-3, poi Stysiak firma due ace che valgono il 5-3. La stessa Stysiak, sempre con un ace, realizza il 7-3, mentre è Malinov a muro a fare 8-3. Le due squadre cambiano campo, ma Stysiak non si ferma e segna il 9-3. Gennari termina il turno di servizio di Stysiak con il muro del 9-4, mentre un attacco out di Pietrini porta il punteggio sul 9-5 e Barbolini ad un nuovo time out. Busto Arsizio si porta sul -3 (9-6) e poi sul -2 con un errore di Stysiak (10-8). La rimonta della Unet E-Work si completa con un altro attacco fuori campo da parte della Savino Del Bene (10-10), mentre è Gray a realizzare il 10-11. Stysiak pareggia i conti sull’11-11, Herrera Blanco non ci sta e ricaccia Scandicci sul -1, ma la squadra di Barbolini reagisce con Stysiak e Courtney (13-12). La sfida è punto a punto, Busto pareggia ancora sul 13-13, mentre Stysiak è l’autrice del 14-13. La gara si ferma per un ultimo time out chiamato da Fenoglio e al rientro in campo Gray impatta il set sul 14-14. Il finale di frazione è teso e combattuto, ad aggiudicarselo è Scandicci per 17-15.

La Savino Del Bene si prende così la vittoria, la prima della bolla di CEV Champions League, battendo al tie break una Busto Arsizio che ha mostrato grandi qualità e grinta.

Le parole di coach Barbolini nel post partita: “Non c’è scritto da nessuna parte che noi dobbiamo vincere con Busto. Certo nel terzo e nel quinto set potevamo soffrire meno. Sappiamo però che siamo una squadra che deve ancora crescere. Un mese fa questa partita la avremmo persa, invece oggi la abbiamo vinta. Abbiamo fatto un punto, perchè in Champions conta la vittoria. Il nostro è un girone in cui è difficile pensare di chiudere a punteggio pieno è poco umile per chiunque. Teniamoci la vittoria e proviamo a crescere ancora.”

Savino Del Bene Scandicci – Unet E-Work Busto Arsizio: 3-2 (25-18, 11-25, 25-19, 23-25, 17-15)

Savino Del Bene Scandicci: Stysiak 25, Malinov 8, Popovic 7, Markovic 1, Pietrini 13, Merlo n.e., Lubian 12, Carocci (L2) n.e., Cecconello n.e., Samadan n.e., Drewniok 3, Bosetti (L1), Courtney 12, Camera. All.: Barbolini.

Unet E-Work Busto Arsizio: Poulter 3, Campagnolo n.e., Olivotto 2, Gennari 11, Bonelli, Gray 17, Leonardi (L1), Mingardi 16, Piccinini, Cucco (L2), Stevanovic 11, Escamilla 2, Bulovic n.e., Herrera Blanco 4. All.: Fenoglio.

Arbitri: Fernandez Fuentes (SPA) – Gerothodoros (GRE)

Durata: 2h 2′ (23′, 20′, 27′, 30′, 22′)

Attacco: 41% – 35%

Ricezione Pos.%: 57% – 40%

Muri: 9-14

Ace: 11-6

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »