energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Volley femminile: prove tecniche di serie A1 per il Bisonte Sport

Firenze – Da questa prima amichevole disputata ieri sera al Mandela Forum rassicuranti sensazioni per Bisonte Firenze, squadra neo promossa in serie A1 di volley femminile. In complesso sono stati cinque set validi.   L’Aversa si è confermata avversaria di livello sebbene sia di una categoria inferiore (gioca in A2) ed ha impegnato la squadra di casa che fra poco più di un mese (2 novembre) debutterà nel massimo campionato. Comunque per il coach Vannini non era il risultato numerico l’obbiettivo di questa prima uscita.

Il Bisonte Firenze ruotava tutta la rosa della squadra ottenendo risultati positivi in modo particolare da quelle atlete che sono entrate nel corso della partita. In particolare si sono viste buone cose sia in attacco che in battuta. Ma anche in distribuzione sebbene ci sia da perfezionare la manovra collettiva. Una lacuna comprensibile visto che metà del gruppo sono ragazze nuove rispetto allo scorso anno.

Il Bisonte Firenze partiva con Petrucci in palleggio; Turlea opposto; Bertone e Calloni (un buon rientro per lei dopo un lungo stop) centrali; Liliom e Negrini bande e Parrocchiale libera.  L’Aversa invece, priva dell’infortunata Lupi, metteva Drozina in palleggio; Merkova opposto; Vaglia e Nardini centrali; Donà e Dekani banda e Minervini libera. Era della Turlea il primo punto con le padrone di casa che tenevano gioco e chiudevano il primo set su 25 a 16.

Nel secondo set entravano Mastrodicasa e l’ex Pascucci, ma il Bisonte Firenze non mostrava la necessaria concentrazione. Ne approfittavano le ospiti per andare in vantaggio e chiudere il set a 25-19.  Nel terzo set le ragazze di casa riprendevano le redini della partita e chiudevano con 25 a 16. Nel quarto set la Vannini inseriva Poggi, Pietrelli, Vangaretti e Savelli. Ma era un brutto inizio dovuto essenzialmente ai tanti cambi. Ciò consentiva all’Aversa di andare in vantaggio e chiudere a 25 a 20. Ma prima del tie break le azzurrine tornavano a controllare la partita e chiudevano in vantaggio 25 a 8.

Dopo la partita coach Vannini dichiarava : La strada è ancora lunga. Stiamo cercando di trovare una nostra identità e di esprimere un gioco valido. A tratti si sono viste cose buone che segnalano potenzialità importanti. In altri momenti della partita invece abbiamo sbagliato qualcosa forse a causa della fatica non smaltita che le ragazze hanno accumulato nei duri allenamenti dei giorni scorsi. Ma anche per il fatto che per costruire una squadra competitiva ci vuole tempo”.

“ Quello che non mi è piaciuto tanto – proseguiva Vannini – è stato l’atteggiamento all’inizio del secondo set. Forse per aver vinto il primo, le ragazze si sono addormentale. Spero che non succeda più. Ho ruotato tutte le giocatrici perché era la cosa giusta da fare e perché tutte devono avere il loro spazio. Comunque in complesso ho avuto buone indicazioni anche da coloro le quali teoricamente non sono titolari”.

————————-

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »