energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Volume di Testimonianze: come costruire la Città ecologica Cultura

Firenze – Ferita senza tregua dalle conseguenze del cambiamento climatico e dal consumo di territorio, travolta dal turismo di massa, spaccata a metà dai cambiamenti nelle comunità delle periferie e dalle disuguaglianze dalle quali si alza sempre più forte il grido dei poveri, la città è sempre più al centro delle riflessioni di filosofi, sociologi, scienziati oltre che degli urbanisti e degli amministratori che devono garantire l’equilibrio precario della convivenza umana.

“La cultura della città (ricca di storia e di valore simbolico) deve ripensare se stessa nel tempo delle  megalopoli gigantesche, mentre la popolazione della campagna, per la prima volta nella storia, diventa minoranza ed il rapporto uomo-natura deve essere ridefinito di fronte ad una pressante emergenza ambientale”, avverte Severino Saccardi, direttore della rivista  Testimonianze che presenta un volume speciale dal titolo “La città ecologica”.

Ponendosi sul solco del pensiero di Giorgio La Pira, Ernesto Balducci, Giovanni Michelucci, Testimonianze riapre il dibattito sulla “cultura della città”, intrecciandolo con il tema unico in questo momento in  grado di colpire le coscienze e mobilitarle in una pressante richiesta di cambiamento per salvare il futuro delle giovani generazioni.

La città – scrive ancora Saccardi nell’introduzione al volume –  “non è un condensato di bene o di male in sé, ma crogiuolo di vite, vicende, esperienze umane. Ma oggi, questo è il punto con cui tutti ci troviamo a misurarci, la dimensione urbana ha cambiato segno”. Per questo motivo il tema della condizione e della vivibilità della dimensione urbana è il cuore di una scommessa della nostra contemporaneità: “Se continua così senza mutare paradigmi esplode”.

I  diversi interventi del volume ricordano i  problemi con cui la città del nostro tempo devono fare i conti. Dal rapporto fra spazi urbani e verde pubblico, quello fra centro e periferie, una distinzione che fa parte della tradizione europea e che è ormai superata, gli effetti del cambiamento climatico, dell’acqua “bene comune” sempre più scarsa e del dissesto idrogeologico. Con una domanda conclusiva: di quale ecologismo c’è bisogno oggi? E una premessa: solo un ambientalismo democratico e aperto (sul terreno della modernità può dare un solido impianto alla città ecologica di domani.

 

Il volume speciale di Testimonianze “La città ecologica” verrà presentato nel corso di un convegno dallo stesso titolo che si terrà il 12 novembre prossimo alle Murate (piazzale delle Murate, Sala Progetti Arte contemporanea, ore 16.00).

Intervengono, con Saccardi,  l’assessore all’Ambiente del Comune di Firenze Cecilia Del Re, il presidente di Water Right Foundation Mauro Perini, il monaco della Comunità dei Ricostruttori Guidalbeerto Bormolini, la ricercatrice dell’Irpet Chiara Agnoletti, l’urbanista assessore del Comune di Livorno Silvia Viviani, il filosofo Gaspare Polizzi. Schede tematiche saranno presentate da Giorgio Valentino Federici, Simone Siliani, Stefano Zani insieme con studenti dell’Istituto tecnico Ginori Conti di Firenze.

Introduce e coordina Piero Meucci, direttore di Stamptoscana. Ci saranno interventi musicali di Margherita Spicci.  

 

Foto: https://www.cooperazione.ch/temi/a-tavola/vino/2019/filari-di-citta-194479/

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »