energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Voto a Prato: la candidatura di Patrizia Scotto di Santolo Politica

Prato – Alle prossime elezioni amministrative per il rinnovo del Consiglio Comunale di Prato si presenta nella lista civica Biffoni Sindaco la candidata Patrizia Scotto di Santolo, giornalista, collaboratrice di Stamp.

Il suo programma elettorale mette al centro soprattutto i cittadini, offrendo loro nuovi e ulteriori servizi presso gli spazi aperti al pubblico. Ad esempio come già esistente a Firenze, si impegna a portare  a compimento un’ iniziativa che preveda anche a Prato uno spazio informazioni presso la Camera di Commercio in collaborazione con i professionisti.

Un aiuto concreto alle piccole e medie imprese grazie ai notai, avvocati, commercialisti e consulenti del lavoro, che dietro appuntamento possano offrire orientamenti in materia per chi desidera risposte in tempi brevi su come avviare un’attività commerciale, risolvere problematiche e questioni relative alle proprie aziende.

Inoltre la Scotto di Santolo si occupa da anni di contrasto alla violenza di genere, è infatti la vicepresidente di un’associazione che aiuta le donne in difficoltà con sede legale a Milano e  aperta da qualche mese  anche a Prato. Secondo la Scotto di Santolo sul contrasto alla violenza di genere e in special modo domestica, sarebbe auspicabile che si aprisse presso la sede della società della salute di Prato uno spazio Cam (centro uomini maltrattanti) che è giá attivo a Firenze da diversi anni, da poco invece a Pistoia e Montecatini.

Questo perché anche a Prato che ha una popolazione di circa 200mila abitanti ricca di etnie diversissime tra di loro per usi e costumi, si possa rispondere con professionalità a tutti quei maltrattanti che consapevoli di essere violenti nei confronti della propria compagna, moglie, partner chiedono aiuto  per venirne fuori.

Aiutare le donne vittime di abusi infatti – sostiene – è anche prevenzione e cura nei confronti di chi usa violenza verso di loro: “Inoltre non mancano in tal senso non poche  richieste della Casa Circondariale di  Prato di psicologi e psichiatri Cam – dice – che però purtroppo a tutt’oggi risultano senza risposta in mancanza di un protocollo d’intesa tra le parti”.
Foto. Patrizia Scotto di Santolo
Print Friendly, PDF & Email

Translate »